6 Gennaio 2020 - Dal 1° ottobre 2017, scritti quotidiani di Sergio Bianco.

Dal 1860, il primo sorso affascina. La magia del Naming.

 

Liquore-Strega-Namong-Logogenesi

 

Oggi è il giorno della Befana.
La befana è una strega
che ha conquistato l’Olimpo.
Una strega che ha il potere di volare.
La befana non vola in prima classe
ma in una classe superiore
che intreccia saggina e pazzina,
saggezza e follia
arrivando a cogliere
la gerarchia naturale di Madre Natura
e la polvere delle stelle.

Dove c’è Strega
ci sono formule magiche,
profumi di infusi,
alambicchi con ingredienti preziosi,
metodi con codici segreti
e naturalmente l’estratto di un liquore.

La prima evoluzione
della città di origine di questo liquore
è avvenuta al tempo dei Romani.
Dopo la vittoria su Pirro
i padri della nostra cultura
trasformarono il nome della città
che fu teatro di battaglia,
da Maleventun a Beneventum.
Solo una Strega
poteva determinare un capovolgimento
così saggio
trasformando il buio in luce,
il negativo in positivo.

Capovolgimento che, ad esempio,
l’aeroporto dal nome Malpensato
non arriva a comprendere.

Ai tempi di Carosello
ero affascinato dal Nome di questo liquore
e soprattutto dal suo memorabile motto:
Il primo sorso affascina, il secondo Strega.

Strega è un Nome di sei lettere.
Sei è il numero della creazione,
in armonia con i vertici dell’esagono.

Strega è il Nome prescelto
dai capostipiti della famiglia Alberti.
Sono stati i fondatori a forgiarlo.
Un Nome che il Metodo Logogenesi,
da osservatore neutrale,
riconosce forte, distintivo, geniale
originale, magico,
connesso al prodotto in modo evocativo
senza alcun riferimento diretto al prodotto stesso.

Grazie al Naming potenziante
si percepisce l’effetto ammaliante
di una seduzione
che non può essere altro che benefica:
una formula segreta
che si tramanda dall’anno 1860.

Riguardo al Naming
Strega pone in equilibrio
l’universo maschile e femminile.
Nel cuore della parola risalta infatti
il termine RE,
inteso non solo come nota musicale
ma anche come sostantivo
nobile e regale
che bilancia il fascino
del mistero femminile.

Nell’anno 1947
l’Impresa amplia i propri orizzonti
e istituisce il Premio Strega
che si afferma nel tempo
come il più ambito Premio Letterario Italiano.
La cultura degli Ingegni.

Ho scelto di dedicare l’articolo di oggi
a questa storica Impresa italiana
che ha avuto origine
da un semplice caffè di pionieri
aperto nella piazza principale di Benevento.
Caffè che diventa, in quell’epoca,
punto d’incontro degli spiriti liberali.
In quel caffè nasce il Nome Strega,
Nome che nobilita ed esalta valori
messi al rogo dai piromani della conoscenza.

Mi piace pensare che il Liquore Strega,
gustato con moderazione,
contenga questo spirito
che riguarda essenzialmente l’immaginazione
(dal latino in me Mago agere)
ovvero la capacità
(e qui non ci sono limiti restrittivi)
di far agire il Mago (o la Strega)
presente in ognuno di noi.

Sergio Bianco, Logogenesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *