Dal 1° ottobre 2017, scritti quotidiani di Sergio Bianco.

Febbre a 40 è il segnale del corpo. Influencer è il virus.

 

influencer-febbre-virus

 

La febbre a 40 è il segnale del corpo,
il sintomo che rivela l’influenza.
L’influencer è il virus.

L’impiegata dell’ufficio postale,
impeccabile nel lavoro
quanto sensibile alla moda,
indossava, giorni fa, una maglietta bianca
con la scritta INFLUENCER,
in bella evidenza,
composta da brillantini.

L’influencer è diventato un mestiere
fonte, a volte, di notevoli guadagni.

L’ influencer è una persona che esprime,
in modo amletico,
il proprio essere o il proprio non essere
per suggerire alla collettività un pensiero, ove presente,
un prodotto, una tendenza, un ideale.

L’influenza, come definizione di vocabolario,
è uno stato di alterazione febbrile.
La febbre alta è utile
in quanto segnale di avvertimento.

La febbre a 40
è come la spia rossa del livello carburante.

In presenza di influenza,
il corpo e lo spirito influenzato,
possono reagire
e prendere provvedimenti
per abbassare e ristabilire
la temperatura giusta.

Di conseguenza, per arrivare alla causa prima,
occorre combattere l’influenzatore,
ovvero l’influencer: il virus.

Il ghiaccio sulla testa
è utile per pensare in modo autonomo
alternato in modo opportuno al calore
della vera e personale passione.

Caldo e freddo temprano la katana del samurai
e lo spirito degli esseri integri.

Il digiuno terapeutico
è il distacco da tutto ciò che è inutile
( i simboli depotenzianti, ad esempio)
fino a giungere al non plus ultra
del comportamento e del pensiero:
nessuna mancanza e nessun eccesso.

Nella simbologia yin-yang,
segno di equilibrio tra gli opposti,
il campo nero dell’influencer
è utile per scoprire
quel puntino bianco di luce
che risplende nella vera natura
originale di ogni essere.

Sergio Bianco, Logogenesi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *