Scritti di Sergio Bianco nel dominio dei Simboli.

Il bivio e la scelta di muoversi restando fermo.

 

bivio-Y-scrittore

 

Lo scrittore è al bivio.
La grande quercia separa due strade.

La prima strada
porta a un castello di Lego bianco
costruito da formiche operaie.

La seconda strada
porta a una tenda illuminata d’arancio
al centro di un lago ghiacciato.

Lo scrittore scorge una spaccatura
nella corteccia della grande quercia.

Entra nel cuore dell’albero
e intuisce la presenza della terza via.

Proprio lì,
al centro della grande Y,
non c’è più alcun bivio,
solo radici e profumo di legno.

Proprio lì,
il castello bianco,
la tenda illuminata d’arancio,
le formiche guerriere,
i cristalli del lago ghiacciato,
i moduli costruttivi del castello,
del silenzio e del gioco
non sono divisi da nulla.

Battaglia, contrasto e gioco
sono la stessa cosa.

Sono la stessa cosa
per chi sceglie di muoversi
restando fermo.

Sergio Bianco, Logogenesi

 

 

 

 

Un pensiero riguardo “Il bivio e la scelta di muoversi restando fermo.”

  1. krista ha detto:

    Ogni parola, che si unisce all’altra, fino a trasformarsi in una frase diventa per me un invito a comprendere il messaggio che vuoi trasmettere. Penso che tu sia capace di cose profonde che possano svelare la bellezza della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.