4 Dicembre 2019 - Dal 1° ottobre 2017, scritti quotidiani di Sergio Bianco.

Il bivio e la scelta di muoversi restando fermo.

 

bivio-Y-scrittore

 

Lo scrittore è al bivio.
La grande quercia separa due strade.

La prima strada
porta a un castello di Lego bianco
assediato dalle formiche.

La seconda strada
porta a una tenda illuminata d’arancio
al centro di un lago ghiacciato.

Lo scrittore scorge una spaccatura
nella corteccia della grande quercia.

Entra nel cuore dell’albero
e intuisce la presenza della terza via.

Proprio lì,
al centro della grande Y,
non c’è più alcun bivio,
solo radici e profumo di legno.

Proprio lì,
il castello bianco,
la tenda illuminata d’arancio,
le formiche guerriere,
i cristalli del lago ghiacciato,
i moduli costruttivi del castello,
e i moduli costruttivi del silenzio
non sono divisi da nulla.

Battaglia, contrasto e gioco
sono la stessa cosa.

Sono la stessa cosa
per chi sceglie di muoversi
restando fermo.

Sergio Bianco, Logogenesi

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *