Scritti di Sergio Bianco nel dominio dei Simboli.

Inspirations. Il Laboratorio di Escher by Cristobal Vila.

 

Cristobal-vila-escher

 

L’immagine che appare in questo articolo
è tratta dal video di Cristòbal Vila
dedicato all’opera di Escher.

È un filmato d’autore
che concentra, in tre minuti e 40 secondi,
emozione e conoscenza
arte e mestiere.
È un capolavoro.

Questo mirabile filmato
conferma le parole di Adriano Graziotti,
creatore di cupole geodetiche:

“la via della geometria e della matematica
è la Via della Bellezza.
È la discriminante che Platone indicava
come ammissione nella sua scuola
e per qualsiasi seria ricerca filosofica”.

La matematica e la geometria,
nell’opera di Escher,
sfociano, inevitablmente,
nello stupore e nel mistero.

Il video di Cristòbal Vila,
ci consente di esplorare
lo studio immaginario di Escher,
il suo laboratorio magico,
il luogo sacro e segreto
in cui formule e disegni
prendono vita.

I manoscritti arrotolati,
la scacchiera,
il raddoppio esponenziale del seme,
i poligoni che formano sfere geodetiche,
il moto perpetuo,
la simbologia Yin-Yang,
la rotazione e la rivoluzione dei pianeti,
le immagini riflesse
su cilindri  e su sfere,
l’uomo vitruviano,
i modelli di Leonardo,
l’onda di Hokusai,
la clessidra e l’incenso,
i libri della conoscenza,
i Maestri della pittura,
la matematica delle piante grasse…

Sono tutti motivi presenti nel video
e presenti nel Metodo Logogenesi
e nelle centinaia di articoli
pubblicati in questo blog.

Il video è pervaso da un ritmo cadenzato,
una musica di violino morbida e avvolgente
composta da Olafur Arnalds.

C’è una lentezza inesorabile,
utile per catturare, uno ad uno,
i particolari, i dettagli minimi,
per capire i meccanismi
e per ammirare
ogni aspetto possibile della cultura,
impossibile compreso.

La scena finale
è un omaggio al quadro
dipinto da Escher nel 1943
intitolato “reptile”.

Il quadro originale compenetra
in positivo e negativo dei rettili
che escono dal foglio,
salgono sul libro,
si ergono
sulla costruzione geodetica poligonale
e sfiorano la pianta grassa
per ritornare nel foglio
chiudendo il cerchio virtuoso.

La nuvola di alito bianco
che esce dalla bocca della lucertola
è il messaggio primordiale
che ognuno interpreta a modo suo.

La lucertola,
protagonista attiva dell’opera,
alza lievemente il capo
e, con eleganza estrema,
manda il suo segnale di fumo.

Sergio Bianco, Logogenesi

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.