Scritti di Sergio Bianco nel dominio dei Simboli.

La comunità dei campi. Il contratto tra formica e cicala.

 

formica-cicala

 

Winston Churchill,
l’uomo che ha inventato
un simbolo con due dita,
quando gli proposero
di tagliare i fondi destinati all’Arte
per concentrare ogni risorsa
nel settore bellico, rispose:
“ma allora per quale motivo combattiamo?”

Mi piace pensare cha Arte e Cultura
siano ricchezze da coltivare
come i campi che circondano le fattorie.

Nelle storie popolari,
narrate dai contadini intorno al fuoco,
la formica è laboriosa e previdente
mentre la cicala pensa solo a cantare.
Al sopraggiungere dell’inverno
la formica ha riserve di cibo
mentre la cicala …

La formica è generalmente intesa come gruppo
mentre la cicala, nel vero senso della parola,
è solista.

In linea con la filosofia di Rodari,
quando i miei figli erano piccoli,
raccontavo questa storia in modo diverso.

La cicala canta, fa vibrare il cuore,
trasforma il sol,
in sole caloroso e splendente
e riceve dalle formiche,
che operano in altri campi,
il giusto compenso.
Si tratta di un accordo benefico per tutti.
D’altronde, l’accordo è presente nella musica.

Senza cicala, la formica è senza aura,
è un essere nero,
che si confonde con la sua stessa ombra.
“Ma allora per quale motivo lavoriamo?”

Il motivo, a pensarci bene è anche musica.

La comunità dei campi
ha bisogno di raggi di sole, di acqua,
di sterco di volpe, del ronzio delle api
e della vibrazione del suono,
cicala o vento che sia.

In questo magico equilibrio
occorre allineare amore e conoscenza.

La cicala pavarotta vive alla grande,
con pieno merito.
La cicala stonatella si deve arrangiare
e anche l’arrangiamento fa parte della musica.

Nel gap delle diverse abilità
c’è spazio per tutti, o quasi.

La cicala stecca, non sapendo cantare,
può sempre fare il coach.

Sergio Bianco, Logogenesi

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.