Scritti di Sergio Bianco nel dominio dei Simboli.

La profondità dell’amore superficiale.

 

Profondità-amore-superficiale

 

“Profondità dell’amore superficiale”
è un quadro che ho dipinto nel 1999.

Fa parte della serie
“La forza della non gravità”.

Il titolo, esteso in seguito
al Metodo Logogenesi,
ha iniziato a rappresentare
un concetto più profondo,
anzi, più superficiale.

Sono fortunato.
Logogenesi mi porta
ad avere contatti di valore
con diverse persone
e ad entrare in settori
a volte inizialmente sconosciuti.

Passo così
dai laboratori di orologeria
agli interni di mega-yachts,
dalla pasticceria artigianale
alle dinamiche immobiliari,
dai campi da golf
agli istituti di credito,
dalle botteghe di gastronomia locale
ai magazzini di strumenti musicali…

Ogni volta,
la creazione del marchio
e la ricerca della motivazione simbologica
mi portano ad argomenti nuovi
che esploro,
nella mia ignoranza intuitiva,
con il metodo della profondità
dell’amore superficiale:
rendere unica
la prima cosa che viene in mente.

Due domande.
Qual’è il monte più alto d’Europa?
Il Monte Bianco.
E il secondo in altezza?
Veramente non lo so per certo.
Solo i primi, infatti, sono memorabili.

Il Simbolo
è come la stella cometa nell’anno zero:
un’insegna luminosa
che risalta nel cielo
perfettamente riconoscibile in mezzo
a milioni di altre stelle.

Soprattutto, il Simbolo
deve comunicare a re e a pastori;
deve avere la nobiltà dell’animo semplice.

Le cose complicate non servono
poiché non arrivano al cuore.

In questo senso l’idea,
primo codice della Logogenesi,
è frutto della profondità
dell’amore superficiale.

L’idea,
la prima che conquista cuore e mente,
sarà naturalmente connessa ed elaborata
in armonia con i codici della Logogenesi
che sono dodici,
come le ore nel quadrante del tempo.

Il tempo procede in tre modi:
orario,
antiorario
e stop.

Sergio Bianco #logogenesi

 

Un pensiero riguardo “La profondità dell’amore superficiale.”

  1. Mirco ha detto:

    Solo i primi sono memorabili,
    e gli ultimi sono beati.
    Al centro stanno i superabili,
    Nelle direzioni dei quattro cardinal lati.
    Evviva tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *