15 Febbraio 2020 - Dal 1° ottobre 2017, scritti quotidiani di Sergio Bianco.

La ghiandola pineale, portale del sogno e del segno.

 

pigna-ghiandola-pineale-logogenesi

 

È mezzanotte.
Domani all’alba delle 5,55
uscirà l’articolo
che sto scrivendo adesso.

In queste ore che separano
la scrittura dalla pubblicazione,
la protagonista incontrastata
è una ghiandola presente
nel corpo di ogni essere:
la ghiandola pineale.

La ghiandola pineale
è il portale del sogno.
Nella mia personale visione
è anche il portale del segno.

La ghiandola pineale
è la mappa del tesoro
sepolto nel giardino di casa.
È la chiave del forziere
che abbiamo in tasca.
È la combinazione della cassaforte
che conosciamo a memoria
se solo ci ricordassimo
di avere memoria.

La ghiandola pineale
è il simbolo del potere.

Essa è presente
nel bastone autorevole del Papa.
È presente negli scettri del comando
di antiche divinità sumere
venute da altre dimensioni,
così come ipotizzano gli studi
di esperti ricercatori
in contrasto con la scienza ufficiale.

 

pigna-ghiandola-pineale

 

Nello scorso millennio,
passeggiando sul Monte di Portofino
con mio figlio,
Lui, in fase pre-partita,
si divertiva a dare calci a una pigna.
Poi l’abbiamo raccolta
e osservata insieme con attenzione.

La pigna
rappresenta la ghiandola pineale
inserita al centro del nostro cervello
e definita il terzo occhio:
l’occhio che guarda lontano
o semplicemente dentro noi stessi.

Da quel calcio in libertà,
dall’ispirazione naturale della pigna
è nato questo simbolo
creato in virtù
dei codici della Logogenesi.

Buonanotte e sogni d’oro.

Sergio Bianco, Logogenesi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *