Scritti di Sergio Bianco nel dominio dei Simboli.

Creazione del marchio. Filo d’oro teso sullo strapiombo.

 

gioconda-logogenesi

 

Filo d’oro teso sullo strapiombo
per ricamare ad arte
l’orlo dell’abisso.

Il primo punto
riguarda il numero atomico
del piombo e dell’oro.

Come si osserva nel libro
“La scuola degli Dei”,
“La differenza
tra un atomo di piombo
e un atomo d’oro,
riferendoci al numero atomico,
è di soli tre protoni:
l’altro è 82, l’uno è 79.
C’è quindi un’umanità 82,
pesante, oscura
e di scarso valore
e un’umanità 79,
leggera, lucente,
incorruttibile.”

Uomini di piombo
possono diventare uomini d’oro
eliminando tre protoni.

Il secondo punto
riguarda il decoltè
della Gioconda
e, in particolare,
il motivo del ricamo.
Un mirabile filo d’oro
disegnato da Leonardo
con tratto continuo,
in forma di  nodo infinito.

Mi piace pensare
che in mezzo all’oscurità dilagante,
dello stra-piombo,
risalti un filo doro di salvezza.
Un filo teso che generi
la vibrazione dell’accordo.

Un filo necessariamento teso
perchè la presenza
richiede, al tempo stesso,
attenzione e relax.

Se non siamo piombati nell’abisso,
significa che siamo in equilibrio
su questo filo d’oro
e abbiamo la facoltà
e la libertà
di creare con amore ogni gesto,
ogni dettaglio
e ogni particolare minuto
della nostra vita,
unica e irripetibile.

Che importanza hanno i dettagli?

Leonardo ha copiato il ricamo
già presente sul vestito di Monnalisa?
Lo ha inventato mentre dipingeva?
Ha scelto di persona l’abito
che la Gioconda avrebbe indossato?
Si è affidato al caso?
Era così importante quel dettaglio?
Quanti visitatori del Louvre
hanno mai notato la forma
e le alternanze del ricamo?

Non lo sapremo mai.

Sappiamo invece,
con illusoria certezza,
che le cose in sè
non hanno importanza
ma è solo il modo in cui le viviamo
che ne determina
valore e bellezza.

Il terzo punto riguarda Logogenesi.
Logogenesi è lì,
in perfetto equilibrio,
pronta a infondere massima potenzialità
alle Imprese che si identificano
in questa visione.

Filo d’oro teso sullo strapiombo
per ricamare ad arte
l’orlo dell’abisso.

Sergio Bianco #logogenesi

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *