28 Giugno 2018 - Dal 1° ottobre 2017, scritti quotidiani di Sergio Bianco.

Qui e ora. Significato simbolico della clessidra.

 

clessidra-millennio

 

Significato simbolico della clessidra.

La clessidra è lo strumento primordiale
che misura l’inizio e la fine del tempo.
Non è, quindi,
un misuratore temporale perpetuo.

Il capovolgimento decreta
la volontà di iniziare il calcolo
che continua fino alla fine
della sabbia disponibile.

La clessidra può essere paragonata
alla vita di ogni essere
con una differenza sostanziale:
la clessidra è trasparente.

Il vetro rivela il tempo trascorso
e il tempo a disposizione.
È più facile, quindi,
vivere serenamente nel presente
se non si conosce
la quantità di sabbia
che resta da vivere.

Grazie alla non trasparenza
della nostra clessidra esistenziale
è possibile curare nel dettaglio
una tovaglia stirata ad arte,
dedicare ore e ore
alla cura della tua rosa,
ascoltare un tramonto
fino all’ultimo orange-pixel,
perdersi letteralmente con un foglio in mano
alla ricerca della parola giusta,
(Italo Calvino, Lezioni americane, le mot juste)
costruire una casa sull’albero,
fare i saltelli nelle onde di Alberese,
e dedicarsi con pienezza
alle meravigliose illusioni della vita.

Nella clessidra il futuro è in alto,
il passato è in basso.
Al centro,
nella microscopica feritoia
in cui scorre la sabbia,
si rivela il presente.

La clessidra è composta idealmente
da due triangoli contrapposti
che rappresentano il cielo e la terra,
l’universo maschile e femminile,
il pieno e il vuoto.

La clessidra più piccola del mondo
è stata costruita nel 1992 ad Amburgo.
Misura mm 24
e consuma il suo ciclo in 5 secondi.

Al Museo della Sabbia di Nima,
in Giappone,
si trova una clessidra alta sei metri
che si capovolge ogni anno.

Cinque secondi versus 365 giorni.
Piccolo e grande nello stesso oggetto.
Piccolo e grande nello stesso simbolo.

A cavallo tra il primo
e il secondo millennio,
per rappresentare la fine di un’era
e l’inizio del duemila
ho disegnato il simbolo della clessidra
formata da due M contrapposte.

Come noto, nella numerazione latina
la lettera M significa mille.

La clessidra
è inserita entro un cerchio ideale.

I due vettori convergenti
che appaiono in negativo
indicano il punto centrale,
fulcro visivo del Simbolo
e conferiscono valore
alla presenza istantanea:

Qui e ora.

Logogenesi si concentra
sulla creazione di un Simbolo unico
che, come una stella luminosa,
risplenda oltre i confini
della fragile e limitata esistenza.

Che segno lasceremo delle nostre Imprese?

 

Sergio Bianco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *