4 Marzo 2019 - Dal 1° ottobre 2017, scritti quotidiani di Sergio Bianco.

Simboli allo specchio. Importanza della simmetria verticale.

 

Tamara-De-Lempika-Simboli-specchio

 

Questo quadro di Tamara De Lempicka,
dipinto dall’artista nel 1928,
si intitola “Le confidenze”.
La confidenza è tale
che sembra di assistere
a un interscambio di persona.

Davanti e dietro,
le due figure femminili sono simili
e si ha l’impressione di guardare
una donna unica allo specchio,
anche se la realtà è diversa.

Collegandoci al dominio Logogenesi,
il Simbolo è unico,
chiaro,
sintetico,
inequivocabile,
perfettamente leggibile
e riconoscibile.

È quindi importante, nella progettazione,
considerarne l’uso
anche nella visione speculare.

Quando il simbolo è posizionato
su una bandiera sventolante
oppure nella vetrata della porta d’ingresso,
si utilizza da solo, nella sua unicità,
senza che appaia il lettering,
per evitare la lettura al contrario del Nome.

I simboli simmetrici sull’asse verticale
sono ideali per questo utilizzo
perchè restano immutati
nella visione posteriore e frontale.

Sono da valutare
i simboli con linee ascendenti
poiché la visione speculare
modifica l’inclinazione
producendo l’effetto contrario.

Sergio Bianco, Logogenesi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *